Ed è qui che io abito,nel centro del mio giorno con i piedi per terra e mare tutto intorno.

sabato 24 agosto 2013

Spesso ripeto sottovoce
che si deve vivere di ricordi solo
quando mi sono rimasti pochi giorni.
Quello che e’ passato
e’ come se non ci fosse mai stato.
... Il passato e’ un laccio che
stringe la gola alla mia mente
e toglie energie per affrontare il mio presente.
Il passato e’ solo fumo
di chi non ha vissuto.
Quello che ho gia’ visto
non conta piu’ niente.
Il passato ed il futuro
non sono realta’ ma solo effimere illusioni.
Devo liberarmi del tempo
e vivere il presente giacche’ non esiste altro tempo
che questo meraviglioso istante.

(Alda Merini)

Ecco, io ho imparato, alla mia veneranda età, a vivere del presente, dell'attimo. E' tutto così precario e basta poco perchè tutto cambi e non solo in bene.Saggezza dell'età!!!

3 commenti:

il monticiano ha detto...

Carpe diem.
Penso che il presente conti più del passato e del futuro.
Un caro saluto,
aldo.

la signora in rosso ha detto...

può cambiare sia in peggio che in meglio...d'altronde niente è immutabile quindi assaporare l'attimo presente!

Anto ha detto...

In realtà il passato esiste nei ricordi sì, esiste ma tradotto dai sentimenti che quei ricordi muovono. Il futuro in quanto tale non esiste perchè nell'attimo in cui si presenta è divenuto già presente ed il presente mentre si compie è già diventato passato, prossimo o remoto.
Stai a vedere che l'unica cosa che resta della vita sono proprio i ricordi e che, di quei ricordi, non resta che una virtuale realtà da noi costruita, modificata, filtrata...
Che fare?! :))

Un saluto sorridendo, Antonella