Ed è qui che io abito,nel centro del mio giorno con i piedi per terra e mare tutto intorno.

giovedì 6 maggio 2010

Gli erano entrate negli occhi, quelle due immagini.....



















"Gli erano entrate negli occhi, quelle due immagini, come l’istantanea percezione di una felicità assoluta e incondizionata.
Se le sarebbe portate dietro per sempre. Perché è così che ti frega, la vita. Ti piglia quando hai ancora l’anima addormentata e ti semina dentro un’immagine, o un odore, o un suono che poi non te lo togli più. E quella lì era la felicità. Lo scopri dopo, quand’è troppo tardi. E già sei, per sempre, un esule: a migliaia di chilometri da quell’immagine, da quel suono, da quell’odore. Alla deriva."
baricco


Quando la sera fa i conti con i fantasmi del passato...sono quelle immagini a tornarle nella mente....sempre le stesse diapositive che ritraggono le sue mani, gli occhi sorridenti, profondi scrutatori...e quanti anni sono trascorsi...non lo ricorda più... E' tutto così vivido, così vero: sono sempre loro, immutabili, eterni. Con i loro sogni, i loro ideali. E' quella la felicità.Lo sapevano anche allora.

16 commenti:

Scix ha detto...

se non sbaglio questo è "Castelli di rabbia vero"? davvero profonde le parole.. condivido appieno anch'io come vedi anche il mio post di oggi è parecchio nostalgico! un abbraccio carissima e bnotte

serenella ha detto...

Si...Castelli di rabbia.
Stasera mi sa che siamo ancor di più sulla stessa lunghezza d'onda.

Annarita ha detto...

Adoro "Castelli di rabbia",

Leggere questo romanzo è una vera soddisfazione intellettuale difficilmente comparabile. La preziosità e la freschezza della scrittura ti prende e ti fa viaggiare in un paesaggio multiforme dove vedi tutto senza mai chiederti dove tu stia andando.

Qui c’è tanto talento, passione e sapienza...

Un romanzo che introduce una vena innovativa in letteratura.

Grazie di averlo ricordato.

adamus ha detto...

Ciao,gran bel libro,grottesco,fantastico e incredibilmente umano.
Serenella..Tu che Ti nutri di malinconia e Ti disseti con la nostalgia. Senti questo brano di Guccini "Canzone delle domande consuete" è stupendo. Buona notte.

http://www.youtube.com/watch?v=JSrUqOQnZOo

Angelo azzurro ha detto...

Ricordo queste righe di Baricco la prima volta che le lessi Impressionarono molto anche me Parole così vere che le senti proprio tue.
E ti caricano di malinconia profonda

giulia ha detto...

Bel libro e bella citazione
Giulia

Lilly ha detto...

Bellissimo post Serenella, splendida creatura, sensibile e poetica nel profondo.
Grazie per la tua gradita visita. Ti offro il mio Buon giorno, la mia gioia per averti conosciuta, auguri per la festa della mamma e buon week, con un sorriso
Lilly

Annarita ha detto...

Auguri, mamma Sere.

Un abbraccione
annarita

cenere ha detto...

baricco non mi piace, ma questa frase, questa frase....c'è tutto un mondo di emozioni dentro.
per questo l'adoro...

serenella ha detto...

Annarita, a me Baricco piace molto. Condivido quello che scrivi su questo romanzo in particolare. Grazie a te per averlo scritto.

serenella ha detto...

Angelo: e io ci sguazzo letteralmente nella malinconia, in questo periodo.


Grazie Giulia della visita e del tuo commento.

serenella ha detto...

Lilly: non lo so se sono una creatura sensibile. Nella vita ci sono sempre motivi per gioire...ma anche per essere tristi.


Grazie Per gli auguri, Lilly e Annarita. Auguri anche a voi, poichè siete mamme come me.

alessandra ingrid ha detto...

I ricordi stigmate dell'anima !
Mi piace moltissimo Baricco,con delicatezza ed impeto sa coinvolgere e poi..il suo amore per il mare..credo che traspaia in ogni suo scritto.

Bel post !
Un caro saluto,ciao Serenella ^_^

UIFPW08 ha detto...

Momenti di felice lattura e di sogni senza fine..

cry ha detto...

Già..Castelli di rabbia..inutile dirti che lo amo...

serenella ha detto...

Certo che me lo ricordo....Ciao Cry.